Perché scegliere piatti e bicchieri in bioplastica biodegradabile

Perché scegliere piatti e bicchieri in bioplastica biodegradabile
Perché scegliere piatti e bicchieri in bioplastica biodegradabile

Negli ultimi anni, con la questione ambientale che è divenuta un topic sempre più centrale per la produzione industriale, la grande distribuzione ha risposto con l’incremento della messa in commercio di prodotti in bioplastica biodegradabile, e in particolare piatti, bicchieri e altre stoviglie usa e getta. La necessità di un’alternativa più ecologica è infatti divenuta una necessità, dal momento che il consumo di prodotti in plastica difficilmente riciclabili e destinati a creare inquinamento ha portato l’Unione Europea a impostare un percorso legislativo per mettere definitivamente al bando la plastica monouso, rappresentata per la maggior parte proprio da articoli legati al settore alimentare.

Da cos’è composta la bioplastica biodegradabile?

I materiali alternativi alla plastica vengono prodotte da materie prime di origine naturale. Ad esempio, le PLA si compongono di amido di mais, barbabietola da zucchero, tapioca; i biocompositi di lino, fibra di legno, canapa, bambù; le PHA di amido di mais, biomasse, canna da zucchero, barbabietola da zucchero; BioPET, BioPE, BioPA ed altri di canna da zucchero, melassa e oli vegetali.

Questo ultimo gruppo di materiali non offre però le migliori soluzioni di compatibilità con l’ambiente, in quanto si tratta di scelte non biodegradabili e non compostabili, condizioni necessarie affinché la scelta abbia un concreto vantaggio per l’ecosistema.

La differenza tra biodegradabile e compostabile

Questi due termini, spesso confusi come sinonimi, hanno invece una significativa differenza a base temporale. Con il termine biodegradabile si indicano infatti materiali che possono degradarsi per l’azione di luce, batteri e altri agenti fisici naturali fino a scomporsi in composti chimici semplici quali acqua, metano o anidride carbonica, a condizione che ciò avvenga per almeno il 90% entro 6 mesi. Compostabile è invece il materiale che è anche disintegrabile e che è in grado di decomporsi per il 90% entro 3 mesi.

Essendo che, come detto sopra, il materiale da prediligere è sia biodegradabile che compostabile, è necessario che la scelta venga discriminata dalla presenza della certificazione UNI EN 13432, che garantisce tali condizioni che sono necessarie a un corretto smaltimento dei rifiuti.

Piatti e bicchieri in bioplastica biodegradabile

Nel catalogo di soluzioni monouso di CMC COMPANY sono presenti prodotti in bioplastica biodegradabile certificati UNI EN 13432, che soddisfano a pieno i requisiti ambientali e garantiscono la massima funzionalità per la vita di tutti i giorni. I piatti piani e fondi sono infatti compatibili con l’utilizzo in microonde, mentre i bicchieri da bibita e da caffè sono utilizzabili sia con bevande calde che fredde.

Contattate CMC COMPANY per maggiori informazioni sui nostri prodotti in bioplastica biodegradabile.

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *